This website works best with JavaScript enabled

Scuola Primaria

Area Insegnanti 

Scuola Primaria Insegnanti

Area Genitori 

Scuola Primaria Genitori

Partner 

Lingua 

itzh-CNenfrderoes

Link Sponsorizzati 

Client Area | Login 

Chi Siamo 

SCUOLA PRIMARIA . NET è il sito in cui trovare materiale per la Scuola Primaria, schede e l'elenco completo delle scuole primarie d'Italia, utile per insegnanti e genitori.

Scuola Primaria . NET

I Nostri Siti 

Ricerca per Categoria 

Chi c'è Online? 

Abbiamo 1289 visitatori e nessun utente online

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Continuando a navigare su questo sito, accetti l'utilizzo dei cookies al fine di assicurare il giusto comfort alla tua visita e realizzare statistiche. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie.

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Sito Web conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere via e-mail la notifica di pubblicazione di un post.

Tale segnalazione sarà impiegata anche per sottoporre agli utenti opportunità e notizie inerenti ai contenuti del sito stesso.
Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione dell'indirizzo di posta dall'elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.

Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati - e, quindi, diffusi - sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito.

Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Sito; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista.

In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’ art. 7 del D.Lgs. 196/2003 . 
Titolare del trattamento ai sensi della normativa vigente è Francesco Cherubini Cia A. Diaz, 41, Prezzo (TN). mail: info@scuola-primaria.net.

Cookies

I “cookies” sono delle informazioni che vengono trasferite sull’hard disk del computer dell’utente da un sito web.

Non si tratta di programmi, ma di piccoli file di testo che consentono ai siti web di memorizzare le informazioni sulla navigazione effettuata dall'utente e di rendere tali informazioni accessibili nel corso della navigazione sul web ad opera di altri siti che utilizzino questo strumenti.
La maggior parte dei siti web utilizza i cookie poiché fanno parte degli strumenti in grado di migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti. I cookie permettono ai siti web di offrire servizi personalizzati (per esempio, ricordare un accesso, conservare i prodotti nel carrello o mostrare contenuti importanti).

Ci sono diversi tipi di cookie: i cookie temporanei (o cookie di sessione) che si cancellano automaticamente con la chiusura del browser e i cookie permanenti che non vengono cancellati ma restano finché non vengono appositamente cancellati o fino alla data di scadenza definita dal sito stesso.
La maggior parte dei browser accetta i cookie automaticamente; l’utente, tuttavia, può disattivare i cookie dal proprio browser, ma in tal caso occorre ricordare che si potrebbero perdere molte funzioni necessarie per un corretto funzionamento del sito web.

Quanto ai cookies in concreto utilizzati in questo sito, essi sono limitati a quelli normalmente definiti come “Cookie strettamente necessari”, in quanto essenziali per la navigazione dell’utente nel sito web e per l’utilizzo delle sue funzionalità come l’accesso ad aree protette del sito e senza i quali i servizi richiesti dall’utente, come fare un acquisto, non possono essere forniti, ed a quelli noti come Targeting Cookie o Cookie di pubblicità, che, diversamente dai primi, vengono utilizzati per inviare annunci mirati all’utente in base ai suoi interessi. Sono anche utilizzati per limitare il numero di volte in cui l’utente visualizza una pubblicità e per valutare l’efficacia della campagna pubblicitaria. I cookie memorizzano il sito web visitato dall’utente e tale informazione viene condivisa con terze parti quali gli inserzionisti.
I browser più comunemente in uso consentono comunque la disabilitazione anche di questo genere di cookies.

INFORMATIVA SULLA PRIVACY

 

 

INFORMATIVA ESTESA SULL'UTILIZZO DI COOKIES NEL SITO scuola-primaria.net

Durante la navigazione sul sito scuola-primaria.net possono essere registrate nel computer dell'utente alcune informazioni sotto forma di Cookies. scuola-primaria.net fa uso esclusivamente di cookies di tipo "tecnico", così come definiti dal provvedimento del Garante per la Privacy dell'8 maggio 2014 e pertanto, relativamente a questi, non è soggetto all'obbligo di informativa da esso previsto, poiché si tratta di informazioni esclusivamente funzionali alla fruizione delle caratteristiche del sito stesso.

Durante la navigazione su scuola-primaria.net possono però essere presentate all'utente inserzioni pubblicitarie provenienti dal circuito Google Adsense. Tali inserzioni si avvalgono invece di cookies definiti "di terze parti" e possono registrare sui server di Google alcune informazioni circa le abitudini e le preferenze di consumo degli utenti. L'onere di ricevere il consenso in merito ai cookies di terze parti ricade sulle terze parti stesse, come chiarito nelle FAQ del Garante.

Qualora desiderassi essere informato sulla natura dei cookies di terze parti presenti su scuola-primaria.net e sulla possibilità  di optare per la loro disattivazione dovrai pertanto consultare il linkhttp://www.google.com/policies/technologies/ads/


A titolo di completezza, desideriamo comunque informarti del fatto che puoi operare una scelta preventiva attraverso le impostazioni del tuo browser o di altri software di Internet Security. Tale operazione può tuttavia inficiare il modo con cui si è in grado di interagire con il nostro sito così come altri siti web, comportando l'impossibilità  di accedere a determinati servizi.

Per ulteriori dettagli tecnici in merito puoi consultare le risorse di assistenza dei browser più diffusi:

Google Analytics

Questo sito web utilizza Google Analytics, un servizio di analisi web fornito da Google , Inc. ( “Google”) . Google Analytics utilizza dei “cookies” , che sono file di testo depositati sul Vostro computer per consentire al sito web di analizzare come gli utenti utilizzano il sito.

Le informazioni generate dal cookie sull’utilizzo del sito web ( compreso il Vostro indirizzo IP anonimo ) verranno trasmesse e depositate presso i server di Google negli Stati Uniti.

Google utilizzerà queste informazioni allo scopo di esaminare il Vostro utilizzo del sito web, compilare report sulle attività del sito per gli operatori dello stesso e fornire altri servizi relativi alle attività del sito web e all’utilizzo di internet.

Google può anche trasferire queste informazioni a terzi ove ciò sia imposto dalla legge o laddove tali terzi trattino le suddette informazioni per conto di Google.

Google non assocerà il vostro indirizzo IP a nessun altro dato posseduto da Google.

Potete rifiutarvi di usare i cookies selezionando l’impostazione appropriata sul vostro browser, ma si prega di notare che se si fa questo non si può essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità di questo sito web . Utilizzando il presente sito web, voi acconsentite al trattamento dei Vostri dati da parte di Google per le modalità ed i fini sopraindicati .

Si può impedire a Google il rilevamento di un cookie che viene generato a causa di e legato al Vostro utilizzo di questo sito web (compreso il Vostro indirizzo IP) e l’elaborazione di tali dati scaricando e installando questo plugin per il browser http://tools.google.com/dlpage/gaoptout?hl=en.

Sabato, 03 Novembre 2012 20:02

Difficoltà di apprendimento e concentrazione

Scritto da
Vota questo articolo
(1 Vota)
ANALISI  DELLA SITUAZIONE: QUALI SONO LE DIFFICOLTA' RISCONTRATE? L'alunno esprime delle difficoltà legate all'attenzione e alla concentrazione necessarie al lavoro in classe e a casa. Non si rende conto, nonostante i suoi sforzi, dei meccanismi che lo inducono a distrarsi,e questo gli procura un senso di frustrazione personale e di vergogna nei confronti dei compagni da cui si sente deriso quando viene ripreso dall'insegnante. Non riesce a trovare delle soluzioni al suo problema, non ne parla con

nessuno, si convince di essere condannato al fallimento, ha paura di deludere i suoi genitori e i suoi professori, non si ritiene all'altezza delle loro aspettative, e pensa di non meritare la loro attenzione: questo lo fa soffrire. Vorrebbe essere diverso e si sente solo.

IPOTESI  DI  INTERVENTO

Ci si propone di fissare un colloquio con l'alunno per dargli la possibilità di riflettere sulle proprie difficoltà e di inquadrare il problema in modo più preciso, manifestando dubbi, incertezze e paure. In un secondo momento si stabilisce la necessità di coinvolgere la famiglia, di confrontarsi con i genitori sulla situazione, scambiandosi informazioni utili per comprendere i diversi contesti affettivi e relazionali, le modalità di comunicazione, i comportamenti e le abitudini che contraddistinguono la vita dell'alunno. Emergono alcune problematiche emotive che condizionano i processi di apprendimento e le dinamiche relazionali. La famiglia viene incoraggiata ad essere più partecipe, a ritagliarsi momenti per parlare e comunicare apertamente in modo costruttivo, aiutando il figlio nel lavoro a casa. Gli insegnanti decidono di sostenere l'alunno definendo con lui la sua situazione di partenza in termini di punti di forza, risorse, capacità e competenze al fine di alimentare la motivazione e l'autostima. Vengono stabilite delle strategie d'intervento, esplicitando tempi e modalità e fornendo all'alunno alcuni strumenti meta-cognitivi per controllare i propri progressi ed evidenziare eventuali difficoltà. Si propongono all'alunno attività di gruppo per agevolare la socializzazione e la collaborazione con alcuni compagni. Si definiscono periodici momenti di confronto privato con gli insegnanti per monitorare e discutere l'andamento dell'attività.

ANALISI   DEL   COMPORTAMENTO   DEL   TUTOR NELLE IPOTESI DI SOLUZIONI PRESENTATE.

L'atteggiamento   del  tutor  così   come  è   emerso   dalle soluzioni proposte non sembra tener conto di tutte le sue funzioni.Il tutor ha infatti il dovere di accompagnare direttamente lo studente nel suo percorso di recupero e di superamento delle difficoltà riscontrate. Il tutor deve interagire con lo studente in ogni fase dell'intervento, sostenendone prima di tutto l'aspetto emotivo ed affettivo, attraverso frequenti colloqui e momenti di confronto. Nei casi riportati sono mancate le occasioni di scambio non solo tra l'alunno e gli insegnanti ma anche quelle con la famiglia, indispensabili per la risoluzione della situazione. Il tutor è risultato talora assente, talora superficiale; il suo ruolo di coordinamento delle varie parti non è stato il più delle volte soddisfacente.

TEORIE DI RIFERIMENTO

Le tre soluzioni proposte al caso esposto sembrano attingere a diversi approcci teorici e metodologici della tutor-ship:

  • Il primo si ispira all'approccio connessionista centrato sulla dimensione cognitiva e interdisciplinare che rimanda ad autori come E. Morin e B. Pascal.
  • Il secondo si ispira all'approccio psicodinamico che pone l'attenzione sulla dimensione affettiva con riferimenti alla psicanalisi.
  • Il terzo si ispira all'approccio strumentale che tiene in grande considerazione la dimensione organizzativa.

CONSIDERAZIONI PERSONALI

La complessità delle dinamiche che stanno alla base delle difficoltà   di   apprendimento   di   un   alunno   è   tale   da comportare un'attenta analisi della situazione da parte del team docente con la supervisione del tutor. Occorre raccogliere il maggior numero di informazioni possibile per inquadrare in modo realistico la situazione. Sono pertanto essenziali i colloqui in primo luogo con lo studente, in quanto protagonista e destinatario dell'intervento educativo, ma anche con la famiglia che rappresenta il contesto affettivo più importante per l'alunno. Le strategie elaborate dagli insegnanti devono tener conto della dimensione cognitiva, di quella affettiva e relazionale, degli aspetti psicologici che soggiacciono al processo di apprendimento. Non sono inoltre da trascurare l'organizzazione dei tempi, degli spazi, delle modalità di lavoro, per sfruttare al massimo tutte le risorse a disposizione. Il tutor e gli insegnanti devono stipulare con lo studente un patto formativo che espliciti la situazione di partenza e gli obiettivi, investendo sulle capacità e le competenze del soggetto. Per consentire una valutazione in itinere e prevedere eventuali modificazioni è indispensabile predisporre momenti di monitoraggio, di colloquio e di confronto, durante i quali è possibile fornire allo studente le occasioni per auto valutarsi e per elaborare riflessioni metacognitive utili al miglioramento della consapevolezza di sé. L'uso di un approccio integrato risulta il più idoneo alla considerazione di ogni aspetto importante per la crescita di un individuo.

SOLUZIONE PERSONALE

PUNTI DI FORZA

  • Il team si riserva dei momenti di approfondimento della situazione attraverso colloqui con l’alunno stesso e con la famiglia
  • Viene data rilevanza all’ aspetto emotivo che definisce la necessità di non intervenire solo a livello disciplinare ma di concepire un piano per favorire la comunicazione, la socializzazione, le relazioni, secondo un approccio integrato.
  • L’ alunno e la famiglia vengono sollecitati a collaborare con gli insegnanti per il raggiungimento degli obiettivi.
  • Sono previsti momenti di  autovalutazione, di riflessione, per favorire il monitoraggio.
  • Vengono dati strumenti per favorire la meta cognizione.
  • L’ attenzione garantita dagli adulti è finalizzata al contenimento delle ansie e delle paure dell’ alunno, che deve recuperare fiducia in sé e negli altri.

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • Non viene considerato il contributo che può venire dal contesto extrascolastico
  • Non è stato sviluppato un lavoro sulle possibili connessioni interdisciplinari
  • Non sono state date istruzioni a livello organizzativo

SOLUZIONE 1

PUNTI DI FORZA

  • La collaborazione con i compagni aiuta  a migliorare i rapporti relazionali, a capire che altri condividono le proprie difficoltà.
  • Vengono fornite strategie metacognitive.

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • Il problema scatenante non è di natura disciplinare.
  • L’ alunno viene trascurato a livello emotivo, non gli vengono fornite opportunità per superare difficoltà di comunicazione con la famiglia e con le insegnanti.
  • La famiglia non è coinvolta

SOLUZIONE 2

PUNTI DI FORZA

  • Viene data rilevanza alla componente emotiva
  • L’ insegnante avvicina l’ alunno favorendo così la condivisione del problema e la comunicazione con l’ adulto
  • Valorizzare i risultati aiuta  a sostenere l’ autostima e la motivazione.
  • Il coinvolgimento dei compagni aiuta l’ aspetto relazionale.

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • La famiglia è informata ma non è coinvolta in modo attivo nella comprensione del problema, nella ricerca delle cause e delle soluzioni.

SOLUZIONE 3

PUNTI DI FORZA

  • Viene tenuto in considerazione l’apporto del contesto extrascolastico, importante per favorire la socializzazione.

PUNTI DI DEBOLEZZA

  • I docenti non si preoccupano di prevedere un colloquio per confrontarsi con la famiglia e verificare l’ ipotesi delle difficoltà di tipo ambientale.
  • Non vengono elaborati interventi per migliorare la relazione  e la comunicazione dell’ alunno con la famiglia, gli insegnanti, i compagni.
  • Non sono approfondite le cause e la strategia di intervento per migliorare l’ apprendimento scolastico.

SOLUZIONE 4

PUNTI DI FORZA

  • L’ intervento non è precipitoso ma volto alla vera comprensione della situazione. Viene     coinvolta la famiglia  per riflettere e confrontarsi con le insegnanti.
  • Vengono messe in luce le risorse e i punti di forza su cui investire.
  • l’alunno viene coinvolto in modo diretto rendendolo partecipe e sostenendolo nel raggiungimento degli obiettivi.

PUNTI DI DEBOLEZZA

Letto 2144 volte Ultima modifica il Sabato, 01 Dicembre 2012 09:05
Altro in questa categoria: Disabilità e disagio scolastico »

Articoli Correlati 

Newsletter 

#fc3424 #5835a1 #1975f2 #2fc86b #f_syc9 #eef77 #020614063440